lunedì 24 novembre 2008

Il nostro compleanno


Spegnete la luce, nascondetevi dietro le tende, aspettataci rientrare in casa, preparate la torta, di candelina ne basta una. E’ il nostro compleanno, il primo. Lo festeggiamo con voi, con chi è venuto qui una volta sola o con chi ci viene tutti i giorni, con chi è venuto cercando le opinioni e con chi cercando i fatti, con chi è d’accordo e con chi critica, con chi ci adora e chi ci detesta, con chi lascia i commenti e con chi si vergogna, con chi diceva che non avremmo retto due mesi e con chi ci ha incoraggiato dall’inizio, con chi dice che siamo comunisti e con chi dice che siamo troppo poco di sinistra, con chi dice che siamo ingessati e con chi dice che siamo libertini, con chi dice che siamo troppo blog e con chi dice che siamo troppo testata, con chi ipotizza che prendiamo soldi dai partiti di sinistra e con chi ci stima perchè sa che che se la nostra priorità fossero i soldi non staremmo facendo questo. Festeggiamo con voi, perché è con voi che siamo cresciuti, con voi che in realtà, in principio non avevamo previsto. Perché questo posto è nato per fare pratica, per avere un luogo nel quale esercitarsi, non è un laboratorio tanto per dire, qui non si fa la selezione all’ingresso, non si prendono “solo quelli bravi”, qui scrive chi vorrebbe farlo ma non trova spazio nelle redazioni perché non è figlio-di o amico-di. Perché sostanzialmente questo mestiere si impara facendolo. Abbiamo iniziato per questo motivo, poi abbiamo visto che eravate sempre di più, che vi interessava quello che scrivevamo, che venivate a cercarci, e allora ad una funzione rivolta all’interno, si è aggiunta quella verso l’esterno, verso la vostra curiosità che abbiamo cercato in alcuni casi di soddisfare con approfondimenti, in altri di suscitare trattando argomenti che repubblica.it, impegnata com’è con miss maglietta bagnata, non ha tempo di trattare.Allora qui scrive anche chi pensa che scrivendo di qualcosa, sei in qualche misura costretto a conoscerla meglio, a studiare, e così facendo dai il tuo minuscolo contributo al dibattito, alla conoscenza di un determinato argomento e fai, giorno dopo giorno la tua infinitesima parte nella lunga e difficile battaglia contro l’ignoranza galoppante. Proviamo a farlo da un anno, ci mettiamo il meglio di noi stessi, a volte basta, altre no. Quando sbagliamo lo facciamo in buona fede, se qualcuno non ci crede dormiremo lo stesso sonni tranquilli.
Oggi compiamo un anno, siamo piccolissimi, ma siamo anche nell’età in cui dopo aver imparato a conoscere il mondo e a decifrarne i segnali, sei pronto per camminare. Noi siamo pronti, presto ci vedrete crescere. Ma ora accendete la luce, uscite da dietro le tende, che entri la torta, abbiamo voglia di festeggiare, siamo cresciuti, siamo proprio contenti.

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Bè che dire...buon compleanno! Vi leggo da molto ma è la prima volta che comemento, talvolta non sono d'accordo con quello che scrivete, molte altre si,ma aldilà delle idee personali il progetto è valido e avete tutto il tempo per crescere. auguri!
lisa

Anonimo ha detto...

Tanti auguri!

sempresara

Matteo ha detto...

un anno portato bene :D
buon compleanno

Anonimo ha detto...

Posso?

Tanti auguri davvero :D di cuore perchè andate sempre avanti!

Continuate così!

Marco

Anonimo ha detto...

Vi auguro di continuare sempre così e anche meglio!
Auguri a tutti, a cominciare dal direttore, Simone che, senza voler togliere nulla agli altri giornalisti, riesce sempre a distinguersi per la capacità di trasmettere le notizie, in maniera descrittiva e comprensibile. Vi leggo sempre con interesse......
Biancarosa

Anonimo ha detto...

io, frequentatrice assidua e silenziosa, voi, attenti compagni di riflessione...buon compleanno!!!!

Alessia

Anonimo ha detto...

Anch'io mai commentato, ma letto giornalmente e imparato da voi a riflettere su molte cose.
Auguri ragazzi e continuate a crescere così, mettendoci la testa ma anche il cuore
cornelia

Anonimo ha detto...

chiedo ufficialmente al direttore di venire allo scoperto ahahahahahahahahahaha

J